joomla templates

Thursday, 18 December 2014 23:56

Costruire un nuovo Egitto

Il presidente egiziano, Abdel Fattah al-Sissi è venuto in visita ufficiale in Francia ed in Italia.

Ecco alcuni brani di un colloquio accordato al giornale francese le Figaro (Renaud Girard,)

" Generato di una famiglia devota dei piccoli commercianti del Cairo, successivamente ufficiale di fanteria, addetto militare in Arabia saoudite, corsista alla scuola di guerra americana, capo dell'informazione militare, il generale al-Sissi è chiamato ministro della Difesa e comandando delle forze armate, in agosto 2012, dal Presidente Fratelli musulmani di recente eletto Mohammed Morsi. Seguito alle manifestazioni giganti del movimento Tamarod (Ribellione) del 30 giugno 2013 esigente il dimissioni di Morsi, l'esercito diretto da Sissi deposita e fermi il Presidente il 3 luglio. Il giudice Adli Mansour, capo della Corte suprema, diventa Presidente. Il 28 maggio 2014, il maresciallo al-Sissi è eletto presidente dell'Egitto, in un scrutino boicottato dai Fratelli musulmani".

A proposito dei prigionieri politici (sono 20 000, appartenendo soprattutto ai Fratelli musulmani e dei movimenti rivoluzionari dei giovani :

"  Non ci sono internamenti amministrativi in Egitto. Tutti i detenuti lo sono in seguito a procedure giudiziali. L'Egitto è un paese di 90 milioni di abitanti che non possono permettersi di avere disordine sulle strade. La libertà di coscienza e di espressione è intera. Ma il diritto di manifestare è regolamentato, come da voi … Tutti quelli che li infrangono devono essere sanciti, di ovunque vengono. Manterrò sempre l'uguaglianza di tutti gli egiziani davanti alla legge. La gioventù è l'avvenire del nostro paese. Lo sempre ho invitato a partecipare alla vita politica che deve essere libera. Ma questa politica deve farsi nella calma ed il rispetto delle leggi.

A proposito dei fratelli musulmani:

"  Dopo gli avvenimenti del 30 giugno 2013, ho teso la mano ai Fratelli musulmani. Questa politica della mano tesa è durata fino al 14 agosto2013.  Ho proposto loro di partecipare pienamente alla vita politica egiziana, di presentare dei candidati a tutte le elezioni, presidenziale come legislative. Hanno rifiutato e hanno preferito la via insurrezionale nella strada."

A proposito delle chiese bruciate:

"… Questi attacchi contro i nostri fratelli copti sono inaccettabili. Come immaginare che possano farsi al nome della religione musulmana, o del resto al nome di quale altra religione? Il vero Islam comanda di "prendere cura dei cristiani." Dal 30 giugno 2013, i copti sono degli egiziani a pieno titolo. Hanno gli stessi doveri e gli stessi diritti che i loro compatrioti musulmani. La nuova Costituzione, adottata all'epoca del referendum di gennaio 2014, garantisce ai nostri compatrioti copti il diritto di praticare la loro religione con una totale libertà. Gli attacchi contro le chiese ed altre forme di violenza non saranno più tollerati. Vogliamo costruire il nostro nuovo Egitto, sulla base dei nostri antichi principi di tolleranza, e le inspirazioni della gioventù alla modernità. Ricordatevi che questa ultima ha fatto due rivoluzioni, quella del 25 gennaio 2011 (capovolgimento di Moubarak) e quella del 30 giugno 2013 (movimento Tamarod e capovolgimento di Morsi). Gli obscurantistes che desiderano distruggere questo nuovo spirito di concordia e di modernità non hanno posto da noi.

A proposito della progressione de Daech (lo stato islamico) in Siria ed in Iraq :

"  Il pericoloso estremismo di Daech che non ha niente da vedere col vero islam, non è un fenomeno isolato. Esistono gli stessi gruppi radicali in Nigeria, in Mali, in Somalia, in Egitto, in Yemen, in Pakistan. Anche da voi in Europa, avete degli individui estremamente radicalizzati. Il djihadisme è una calamità mondiale.

Una delle cause è l'invasione dell'Iraq nel 2003 dall'America e dall'Inghilterra, ma non è l'unica.  Gli altri cause sono la povertà e l'ignoranza nel mondo arabo-musulmano. L'odio dell'altra è spesso figlia dell'ignoranza. Serve a niente di piangere sugli errori del passato. L'importante è che adottavamo una strategia comune. L'eliminazione del cancre djihadiste esige la costituzione di una fronte comune tra i poteri occidentali e gli Stati musulmani.

I copti sono i cristiani egiziani nativi, un importante gruppo etno-religioso nel paese. Il cristianesimo era la religione predominante nell'Egitto di epoca romana tra il IV e il VII secolo, fino alla conquista da parte dei musulmani, ed è rimasta la fede di una significativa minoranza della popolazione fino ad oggi

I copti in Egitto costituiscono la più grande comunità cristiana del Medioriente, nonché la più grande minoranza religiosa della regione, rappresentando circa il 10% della popolazione egiziana. La maggior parte dei copti aderisce alla Chiesa ortodossa copta; il resto del gruppo è spartito tra la Chiesa cattolica copta e varie confessioni cristiane protestanti.

 


Back

arrow rtl back

Partout dans le monde

passpartDiscover the magazine of the Sisters of Charity of Saint Jeanne-Antide Thouret: a window on the Congregation, the Church and the world.

If you desire to know the magazine and receive a free copy, you can send your request on this email address:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Publications

filo1

This section presents the main books regarding the history of the Congregation, the biographies on Jeanne-Antide and the Saints... and much more like Spiritual Booklets, DVDs, ...libri

 

leggi

Useful information
 Links
filo3
 Contacts
filo3
 Reserved Area
filo3
 Request of access - Reserved Area
filo3
 Newsletter subscription
filo3
Streaming
filo3