joomla templates

Lunes 18 de Abril de 2016 11:56

Italia: con gli invisibili

E’ un’intensa esperienza che ormai da anni rende possibile a gruppi di giovani di prendersi un tempo prolungato di preghiera, fraternità e servizio durante la Settimana santa. 

Le celebrazioni più importanti del Triduo sono state animate presso strutture carcerarie. Nel Giubileo della misericordia, la figura di Giuda era al centro delle meditazioni.

Le giornate sono state scandite dalle meditazioni bibliche sulla figura di Giuda, dalla preghiera personale e comunitaria, dalla preparazione dell'animazione delle celebrazioni del Triduo Santo, vissute poi insieme ai detenuti e alle detenute.

A Vimodrone, i giovani hanno incontrato e ascoltato la testimonianza di don Claudio Burgio, sacerdote della diocesi di Milano che gestisce comunità di accoglienza per minori e servizi educativi  per adolescenti e collabora con don Gino  Rigoldi come cappellano dell’Istituto penale minorile “C. Beccaria” di Milano.

Da sempre interessato al mondo dello sport, fonda nel 2005, insieme ad altri preti, la “Selecao Internazionale Sacerdoti Calcio”, una simpatica iniziativa che coinvolge più di cento preti italiani e stranieri uniti dalla comune passione per lo sport e che promuove progetti di solidarietà su tutto il territorio nazionale. È autore di Non esistono ragazzi cattivi, racconto-testimonianza dei primi anni vissuti a fianco dei ragazzi del carcere minorile e delle comunità Kayròs.

Questo libro nasce dall’esigenza di raccontare, attraverso la narrazione autobiografica, la straordinaria avventura dell’educare che appartiene a ciascuno, e l’impegno e la responsabilità nel consegnare alle nuove generazioni il faticoso ed appassionante mestiere di vivere.

La testimonianza di una giovane

"Ti voglio un bene dell'anima". È questa la frase che ha accompagnato giovani di Milano e d'intorni, Rimini e Roma durate il triduo con gli invisibili, animato dalle suore scintillanti della Carità. Perché con gli invisibili? Quest'anno noi giovani abbiamo deciso di trascorrere il triduo in preparazione alla Pasqua nel carcere di San Vittore, animando le celebrazioni con il canto, insieme ad alcune detenute. Questo incontro ha segnato tutti noi, ognuno a modo suo, lasciando impresso nel cuore e nella mente il volto di donne sofferenti, sole e bisognose. Siamo entrati a San Vittore passando attraverso la figura di Giuda, il traditore, colui che per trenta denari ha consegnato Gesù ai sacerdoti del tempio, scegliendo le tenebre. Cosa ci ha insegnato questo discepolo? Sicuramente a prendere posizione, a cercare il nostro posto senza compromessi. Ci ha insegnato a consegnarci al Signore Gesù completamente, ad aprire il nostro cuore alla sua misericordia, al suo progetto per noi, imparando a vincere l'egoismo: nessuno può bastare a sé stesso. Giuda ha spinto ognuno di noi a scavare dentro l'animo, anche con una certa fatica, a prendere coscienza della smisurata grandezza dell'Amore del Signore, un amore così grande da abbracciare e chiamare "amico" colui che l'avrebbe tradito. Perché? Forse Gesù ha visto in Giuda semplicemente un uomo che ha peccato, e al suo posto potrebbe esserci ciascuno di noi, ugualmente peccatore, e lo ha amato comunque. Spesso siamo vinti dallo stesso dualismo: desideriamo seguire il Signore, imitarlo, ma continuamente ci scontriamo con i nostri limiti, i nostri peccati. E allora quante volte tradiamo il Maestro? E per quante monete? Quali sono i nostri trenta denari? Sono solo alcune delle domande provocatorie che le suore ci hanno consegnato in questo triduo. Abbiamo vissuto tre giorni molto intensi, ricchi di preghiera, riflessione, condivisione, adorazione, momenti di festa. Abbiamo messo in comunione molto: frammenti della nostra vita, dubbi, paure, emozioni. Ci sono stati anche due incontri, preziosi ai miei occhi, che hanno dato molto a ognuno. Ci siamo messi in ascolto di Don Marco, cappellano del carcere di S. Vittore e Don Claudio, cappellano del carcere minorile Beccaria e fondatore della comunità Kayros, dove siamo andati a trovarlo. Ci hanno parlato col cuore delle situazioni che incontrano, delle sofferenze che abitano i luoghi che frequentano, di ferite dove piano piano è entrato il vangelo portando nuova luce. I loro racconti sono stati per noi giovani testimonianze stimolanti, brace ardente, parole su cui riflettere. Gesù, anche in un luogo di sofferenza come il carcere, spesso è come un balsamo, ascolta le preghiere di chi ha perso ogni speranza e ne dona una nuova. Sono stati quindi giorni davvero pieni, e l'incontro con le detenute ha reso completo e compiuto questo percorso verso la resurrezione del Signore. Gesù è morto per ogni uomo, nessuno escluso, ed è risorto per ciascuno. Se c'era un posto da trovare, una posizione da prendere in questo triduo, mi rendo conto che non potevo e volevo stare da nessun'altra parte. Era quello il mio posto, accanto agli invisibili, per camminare insieme, visibili, verso il Risorto. Uniti, nel bene, sotto la croce, tenendoci per mano. Ci siamo voluti bene, ci siamo scambiati un abbraccio e ad uno di questi incontri mi sono affidata particolarmente. Non ho trattenuto le lacrime tra le braccia di una donna. Il suo sorriso mi ha travolto e anche se per un istante brevissimo è come se ci fosse stato un contatto profondo, un'intesa, un augurio reciproco sincero per questa Pasqua, e lì ho sentito concretamente quanto la fede unisca davvero come fratelli. Moltissime emozioni quindi in questi giorni e per questo devo ringraziare i miei compagni di viaggio e le suore della Carità, che per prime si sono affidate a noi, sorelle scintillanti, e ci hanno  guidati in questa esperienza unica. Grazie!"

Last modified on Miércoles 27 de Abril de 2016 12:21
Volver

arrow rtl volver

Partout dans le monde

passpartDescubra la revista de las Hermanas de la Caridad de Santa Juana Antida Thouret: una ventana abierta sobre la Congregación, la Iglesia y del mundo.

Si quieres saber la revista y recibir un número gratuito, usted puede enviar su solicitud a Esta dirección de correo electrónico:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Publicaciones

filo1

Esta sección presenta los principales libros que se relacionan con la historia de la Congregación, la vida de Santa Juana Antida y Sante. Y luego Cuadernos Espiritual, DVDs, y mucho más...
libri

 

leer mas

Utilidades
 Links
filo3
 Contactos
filo3
 Area Reservada
filo3
 Pedido de acceso al área reservada
filo3
 Inscripción en Newsletter
filo3

Segui en directafilo3