joomla templates

Venerdì 28 Ottobre 2016 12:14

Ma perché Dio manda i terremoti?

È la domanda che grida forte nel cuore dell’uomo quando è colpito dal male, quando ha l’idea di un Dio che castiga, di un Dio che si vendica…

Ma Dio è Padre è Amore, è il creatore che si prende cura delle sue creature che protegge e custodisce «come la pupilla degli occhi» (Salmo 17). Dio ci ha fatto dono di un mondo meraviglioso anche se con una struttura limitata e precaria. Come sperimentiamo spesso i nostri limiti, nella malattia, nell’invecchiamento, nella stanchezza, nella fame, nella sete e infine nella morte, così accade per l’universo e il pianeta, che siamo chiamati ad abitare. Questo limite cosmico, per cui percepiamo il mondo ben diverso e lontano dall’assoluta perfezione paradisiaca, non può non coinvolgerci come creature, sia in quanto spesso ne subiamo le conseguenze, sia in quanto siamo chiamati, con la nostra intelligenza e capacità, anche tecnologica, a rendere il mondo sempre più abitabile. A questo proposito, riflettiamo sull’enciclica di Papa Francesco Laudato si’, sulla cura della casa comune.

Purtroppo l’uomo, con il suo peccato e le sue scelte di morte, riesce a rendere più radicale e devastante il limite dell’universo e a produrre più danni di quanti non ne derivino da calamità come i terremoti o le alluvioni.

In queste occasioni spesso le vittime non sono tanto causate dagli eventi naturali, quanto dalle case che crollano, o dallo straripare dei fiumi, spesso per motivi imputabili alle nostre scelte. Di qui l’ulteriore messaggio a vigilare, come persone e come società, perché non siano la nostra superficialità, la sete del profitto e la violenza sulla natura a far sì che essa si mostri ostile. Se, come accade, nella natura si producono la sofferenza e la morte degli uomini, delle donne e anche dei bambini innocenti, non è perché si verifica una punizione divina, di cui il cosmo sarebbe strumento; si tratta piuttosto di occasioni nelle quali siamo chiamati da un lato a meditare sui nostri limiti creaturali e sulle nostre deficienze morali, dall’altro a stringerci intorno a coloro che soffrono, per tentare di alleviare le loro sofferenze, con la solidarietà e la fraternità anche concreta e materiale.       

di Suor Amalia De Roberto 

Partout | dans le monde

passpartScoprite la rivista delle Suore della Carità di Santa Giovanna  Antida Thouret: una finestra sulla Congregazione, la Chiesa e il mondo.

Se desiderate conoscere la rivista e ricevere un numero omaggio, potete inviare la vostra richiesta a questo indirizzo e-mail:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Pubblicazioni

filo1

Questa rubrica presenta i libri principali che riguardano la storia della Congregazione, la vita di santa Giovanna Antida e delle Sante. E poi Quaderni Spirituali, DVDs, ...libri





leggi

Utility
 Links
filo3
 Contatti
filo3
 Area Riservata
filo3
 Richiesta accesso Area riservata
filo3
 Iscrizione Newsletter
filo3
Segui la diretta streaming
filo3