joomla templates

Lunes 07 de Mayo de 2018 10:18

Gioite e siate felici

«Gaudete ed exultate» è una esortazione apostolica del papa Francesco sull’Appello alla santità nel mondo attuale nella quale egli indica il senso della vita cristiana che, secondo sant’Ignazio di Loyola, è “cercare e trovare Dio in ogni cosa”. Detto in altri termini, è mettere Dio al centro, così egli ci incoraggia a prendere il cammino della santità, cercando di inserirla nel contesto attuale con i suoi rischi, le sue sfide e le sue opportunità.

In primo luogo, il Papa dice che «piace vedere la santità nel popolo di Dio paziente: nei genitori che crescono con tanto amore i loro figli, negli uomini e nelle donne che lavorano per portare il pane a casa, nei malati, nelle religiose anziane che continuano a sorridere. In questa costanza per andare avanti giorno dopo giorno vedo la santità della Chiesa militante. Questa è tante volte la santità «della porta accanto», di quelli che vivono vicino a noi e sono un riflesso della presenza di Dio, o, per usare un’altra espressione, «la classe media della santità». (GE 7). Dunque, «siamo chiamati tutti ad essere dei santi che vivono con amore e che offrono una testimonianza nelle loro occuupazioni quotidine, là dove ognuno si trova» (GE 14).

In secondo luogo il Papa parla di due «nemici» della santità:

1) Lo Gnosticismo attuale che vede in quelli che sono capaci di capire la profondità di una dottrina, i veri credenti;

2) il Pelagianesimo attuale che sottolinea in modo esclusivo lo sforzo personale, come se la santità fosse il frutto della volontà e non della Grazia.

Allora, «come fare per giungere ad essere un buon cristiano? La risposta è semplice: bisogna mettere in opera, ciascuno per la sua parte, ciò che Gesù dichiara nel discorso delle beatitudini. Esse ci rivelano il volto del Maestro che siamo chiamati a mostrare nel quotidiano della nostra vita» (GE 63). E così, papa Francesco presenta la santità evangelica: «Il Signore ci ha detto chiaramente che la santità non si può capire né vivere prescindendo da queste sue esigenze, perché la misericordia è il cuore pulsante del Vangelo» (GE 97).

Quindi il Papa ci descrive alcune caratteristiche della santità nel mondo attuale:

1) La tenacia, la pazienza, la dolcezza: «lottare e stare in guardia davanti alle nostre inclinazioni aggressive ed egocentriche per non permettere che mettano radici» (GE 114).

2) La gioia e il senso dell’umore: il Signore «ci vuole positivi, riconoscenti e non troppo complicati» (GE 127).

3) L’audacia e il fervore: «il santo non è un burocrate o un funzionario, ma una persona appassionata che non sa vivere in una mediocrità tranquilla e anestetizzante» (GE 138).

4) In comunità: la vita comunitaria ci preserva «dalla tendenza all’individualismo consumista che finisce per isolarci nella quiete del benessere senza tener conto degli altri» (GE 146).

5) La preghiera costante: «il santo ha bisogno di comunicare con Dio. E’ uno che non sopporta di soffocare nell’immanenza chiusa di questo mondo, e in mezzo ai suoi sforzi e al suo donarsi sospira per Dio, esce da sé nella lode e allarga i propri confini nella contemplazione del Signore» (GE 147).

Infine, «la vita cristiana è una lotta continua. Si ha bisogno di forza e di coraggio per resistere alle tentazioni del diavolo e annunciare il Vangelo. Questa lotta è molto bella, perché ci permette di celebrare ogni volta il Signore vincitore nella nostra vita» (GE 158). E il dono del discernimento aiuta in questo combattimento perché ci fa capire «se una cosa viene dallo Spirito santo o se ha la sua origine nello spirito del mondo o dello spirito del diavolo» (GE 166).

In conclusione il Papa spera che questa esortazione sia «utile perché tutta la Chiesa si dedichi a promuovere il desiderio della santità. Chiediamo che lo Spirito Santo infonda in noi un intenso desiderio di essere santi per la maggior gloria di Dio e incoraggiamoci a vicenda in questo proposito. Così condivideremo una felicità che il mondo non ci potrà toglire» (GE 177).

arrow rtl volver

Partout dans le monde

passpartDescubra la revista de las Hermanas de la Caridad de Santa Juana Antida Thouret: una ventana abierta sobre la Congregación, la Iglesia y del mundo.

Si quieres saber la revista y recibir un número gratuito, usted puede enviar su solicitud a Esta dirección de correo electrónico:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Publicaciones

filo1

Esta sección presenta los principales libros que se relacionan con la historia de la Congregación, la vida de Santa Juana Antida y Sante. Y luego Cuadernos Espiritual, DVDs, y mucho más...
libri

 

leer mas

Utilidades
 Links
filo3
 Contactos
filo3
 Area Reservada
filo3
 Pedido de acceso al área reservada
filo3
 Inscripción en Newsletter
filo3

Segui en directafilo3