joomla templates

Mercoledì 22 Agosto 2018 10:17

INDIA "Alluvione: chiese e scuole cattoliche per gli sfollati”

21 agosto 2018 - La Chiesa cattolica in Kerala è pienamente coinvolta per contribuire ad affrontare la crisi generata dalle forti piogge monsoniche e dalle conseguenti alluvioni. Al 21 agosto, il bilancio delle vittime è salito a oltre 400, mentre molti sono i dispersi e 1,2 milioni gli sfollati.

"Tutte le diocesi, i religiosi, le parrocchie e le organizzazioni ecclesiali sono pienamente impegnate nelle operazioni di soccorso giorno e notte. Molti dei sacerdoti e delle religiose stanno conducendo diversi campi di soccorso insieme a rappresentanti e funzionari governativi. Le agenzie ecclesiastiche e i fedeli forniscono cibo, vestiti e riparo alle persone nei campi profughi", spiega all'Agenzia Fides l'Arcivescovo Andrews Thazhath di Trichur, nel Kerala. "Siamo felici di riferire che i campi di soccorso e gli aiuti provvisti dalla Chiesa sono molto apprezzati dalle persone colpite", aggiunge.

Le regioni occidentali del Kerala sono ancora colpite dall'inondazione. Alcuni fiumi hanno addirittura cambiato direzione, causando danni estesi a diversi villaggi e migliaia di sfollati. Molti villaggi nel distretto centrale di Trichur e nella regione meridionale di Chengannoor sono ancora allagati. La più grande sfida per il Kerala è quella di fornire alle persone colpite, quando torneranno alle loro case, devastate o spazzate via, sistemi per proteggersi o prevenire le catastrofi. Il governo, le Ong e la Chiesa hanno iniziato a preparare piani a lungo termine per la riabilitazione con l'aiuto delle agenzie locali e internazionali.

Come riferito a Fides dall'Arcivescovo, l'Arcidiocesi di Trichur ha fornito materiali di soccorso alla zona di Kuttanad e Wynad. A Trichur la settimana scorsa, tutte le aree basse sono state allagate. Molti ponti sono impraticabili, molte case affondate o distrutte. "Le inondazioni hanno colpito anche alcune chiese e non abbiamo potuto celebrare la Messa anche il 19 agosto. La maggior parte delle sale parrocchiali, e le scuole e alcuni presbiteri sono divenute campi di soccorso per gli sfollati", nota l'Arcivescovo.

Il Vescovo ausiliare Tony Neelankavil e l'Arcivescovo Thazhath hanno visitato personalmente diversi campi di soccorso. "Sacerdoti, suore, seminaristi e leader della Chiesa sono in prima linea nelle operazioni di soccorso. Le persone, indipendentemente dalla casta e dal credo, ci stanno aiutando. Ora stiamo distribuendo generi alimentari, vestiti e altri aiuti essenziali nei campi di soccorso, alle famiglie nelle aree colpite. Molti volontari lavorano giorno e notte preparando kit che vengono distribuiti", dichiara a Fides l'Arcivescovo Thazhath.

Papa Francesco ha lanciato un messaggio di consolazione e preghiera, domenica scorsa, 19 agosto. "Chiediamo di continuare a pregare per il nostro Kerala", ha detto l'arcivescovo Thazhath.

Il Primo ministro del Kerala, Pinarayi Vijayan, ha definito l'alluvione "una delle peggiori nella storia dell'India", provocando lo spostamento di oltre mezzo milione di persone. In Kerala sono cadute piogge superiori al 40% rispetto al normale per la stagione dei monsoni, che va da giugno a settembre. Il governo federale indiano ha classificato le inondazioni come una "calamità di natura grave".

Secondo J.P. Nadda, il ministro della salute, sono stati allestiti più di 3.500 campi medici in una regione che ha all'incirca le dimensioni della Svizzera. I danni stimati ammontano a oltre 3 miliardi di dollari Usa.

La fascia costiera del Kerala centrale è ancora sott'acqua. Pathanamthitta, Ernakulam e Trichur sono le aree più colpite. La calamità ha generato una grande ondata di solidarietà tra la popolazione. Le persone si sono avvicinate le une alle altre indipendentemente dalle loro differenze religiose e socio-politiche. Per iniziativa spontanea, gruppi di pescatori di sono uniti alle operazioni di salvataggio in zone in cui le guardie costiere non potevano accedere. (SD) (Agenzia Fides 21/8/2018)


Indietro
Partout | dans le monde

passpartScoprite la rivista delle Suore della Carità di Santa Giovanna  Antida Thouret: una finestra sulla Congregazione, la Chiesa e il mondo.

Se desiderate conoscere la rivista e ricevere un numero omaggio, potete inviare la vostra richiesta a questo indirizzo e-mail:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Pubblicazioni

filo1

Questa rubrica presenta i libri principali che riguardano la storia della Congregazione, la vita di santa Giovanna Antida e delle Sante. E poi Quaderni Spirituali, DVDs, ...libri





leggi

Utility
 Links
filo3
 Contatti
filo3
 Area Riservata
filo3
 Richiesta accesso Area riservata
filo3
 Iscrizione Newsletter
filo3
Segui la diretta streaming
filo3