joomla templates

Mercoledì 05 Settembre 2018 08:31

Una esperienza a Terracina - Italia

"Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se queste donne si dimenticassero, Io invece non ti dimenticherò mai." (Isaia 49,15)

Mi chiamo Mira Ghoussein, postulante di origine libanese, per alcuni mesi in Italia per prepararmi ad entrare nel noviziato internazionale. Mentre ero a Roma, mi è stato chiesto di andare a vivere due mesi di servizio pastorale in una delle nostre comunità.

La Comunità delle Suore della Carità di Santa Giovanna Antida Thouret di Terracina, nota come “Casa Famiglia Gregorio Antonelli”,  riceve bambini orfani o in difficoltà, con situazioni familiari complesse, e madri con bambini, che hanno problemi con i coniugi. Le suore, in collaborazione con un gruppo di laici competenti, tendono ad offrire un ambiente tranquillo e familiare e degli spazi di autonomia fisica e mentale, per favorire uno sviluppo più armonioso a livello relazionale, affettivo, psicologico e morale.

“Prendere cura del tuo prossimo”, sono le parole che rimangono nella mia memoria, dopo aver vissuto questa esperienza... Nella casa famiglia ho percepito che la più grande sofferenza è quella di sentirsi soli, senza amore, abbandonato da tutti, in particolare da quelli che dovrebbero essere più vicini: i genitori!

Ho capito che ci sono malattie che non si curano con i soldi, ma con amore. Anche se ciò che fanno le sorelle in questa comunità non è altro che la loro missione, tuttavia ogni gesto ha un grande valore. Si tratta degli atti semplici del quotidiano, facili da compiere, e di parole benevole, che, anche se  espresse in frasi concise, possono avere un eco proprio profondo. 

Le persone di questa casa mi hanno insegnato molte cose. In particolare ho imparato come uscire da me stessa per andare verso gli altri, indipendentemente dal loro colore, dalla loro razza, dalla loro confessione religiosa. Inoltre ho appreso come prendermi cura di loro. 

In conclusione, prego perché nessuno sia trascurato, fra coloro che sono abbandonati o bisongosi del nostro aiuto. Grazie a loro, infatti, possiamo incontrare e stare con Gesù Cristo. Da parte nostra, insieme, possiamo permettere loro di incontrarLo.

Quindi, per poter amare, abbiamo bisongo della fede. La fede attiva è amore, e l'amore attivo è servizio!

 Mira Ghossein, postulante.




Partout | dans le monde

passpartScoprite la rivista delle Suore della Carità di Santa Giovanna  Antida Thouret: una finestra sulla Congregazione, la Chiesa e il mondo.

Se desiderate conoscere la rivista e ricevere un numero omaggio, potete inviare la vostra richiesta a questo indirizzo e-mail:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Pubblicazioni

filo1

Questa rubrica presenta i libri principali che riguardano la storia della Congregazione, la vita di santa Giovanna Antida e delle Sante. E poi Quaderni Spirituali, DVDs, ...libri





leggi

Utility
 Links
filo3
 Contatti
filo3
 Area Riservata
filo3
 Richiesta accesso Area riservata
filo3
 Iscrizione Newsletter
filo3
Segui la diretta streaming
filo3