joomla templates

Martedì 05 Marzo 2019 14:35

Cerimonia di consegna delle onorificenze: Sr Elvira

Suor Elvira Tutolo, in missione da 18 anni nella Repubblica Centrafricana, ha ricevuto questa mattina 5 marzo 2019, l’onorificenza di Commendatore al Merito della Repubblica Italiana.

Il prestigioso riconoscimento le è stato conferito presso il Quirinale assieme ad altri 32 donne e uomini, ribattezzati “eroi” d’Italia.

Nel rivolgersi agli invitati e agli interessati all’evento del conferimento delle onorificenze più alte della Repubblica italiana, il Presidente Sergio Mattarella, compiaciuto, ha pronunciato a braccio queste parole: “Il nostro Paese è ricco di energie positive, di persone che sanno che si vive meglio se ci si impegna per il bene comune, se si combatte per sconfiggere prevaricazioni e pregiudizi. I vostri comportamenti hanno indicato queste sensibilità. I riconoscimenti sono il segno che si vuole dare al Paese, non solo l'indicazione di comportamenti da apprezzare, ma anche da conoscere.

Voi siete premiati appunto non come eroi, ma come persone che, davanti a problemi comuni, hanno fatto quel che pensavate fosse giusto… Vi ringrazio per aver testimoniato sensibilità, impegno, solidarietà. E non siete soli, in tanti in Italia si impegnano in base agli stessi valori. Voi, qui, rappresentate tante persone che nel Paese adottano comportamenti così belli e positivi. Il Paese è ricco di energie positive, di risorse di umanità, di senso della comunità».

L’onorificenza è stata attribuita a suor Elvira per il suo grande impegno, in Repubblica Centroafricana, nel recuperare bambini finiti nelle mani di bande armate, molti dei quali orfani o abbandonati o considerati “sorcier”, cioè demoni, e per questo allontanati da casa.

Ciò che è meritevole per suor Elvira è il fatto di essere riuscita, insieme alle suore della missione, a dare una nuova infanzia a bambini e ragazzi con il reinserimento in famiglie del posto, attraverso la Ong “Kizito” da lei fondata da più di dieci anni e, di aver realizzato, nella periferia di Berberati, il centro di recupero “Watoro” dove si insegnano ai giovani alcuni mestieri, tra i quali la coltivazione della terra e la falegnameria.

La missione delle Suore della Carità in Berberati, nel tempo, si è aperta anche all’accoglienza di ragazze giovanissime, vittime di violenze e di abusi, tolte alle bande armate. Nel centro denominato “Nemesia” imparano l’arte del cucito.

Forte è il senso di gratitudine al Signore per questi frutti e grande è la speranza che tanto bene, alimentato dal Carisma di santa Giovanna Antida e delle sante della Congregazione, possa crescere ancora a favore di tante sorelle e di tanti fratelli sofferenti e bisognosi di ogni genere di cure.

Partout | dans le monde

passpartScoprite la rivista delle Suore della Carità di Santa Giovanna  Antida Thouret: una finestra sulla Congregazione, la Chiesa e il mondo.

Se desiderate conoscere la rivista e ricevere un numero omaggio, potete inviare la vostra richiesta a questo indirizzo e-mail:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Pubblicazioni

filo1

Questa rubrica presenta i libri principali che riguardano la storia della Congregazione, la vita di santa Giovanna Antida e delle Sante. E poi Quaderni Spirituali, DVDs, ...libri





leggi

Utility
 Links
filo3
 Contatti
filo3
 Area Riservata
filo3
 Richiesta accesso Area riservata
filo3
 Iscrizione Newsletter
filo3
Segui la diretta streaming
filo3