joomla templates

Martedì 06 Agosto 2019 22:34

Fedeltà di Dio, fedeltà dell'uomo!

"Si può celebrare la fedeltà ancora ai nostri giorni? Rima, una ragazza di 32 anni, si poneva questa domanda quasi senza pensarci. Questo suo interrogativo mi ha fatto riflettere, mentre mi stavo preparando a celebrare il 25 ° anniversario della mia consacrazione all'Amore, celebrazione della Fedeltà di Dio e della mia fedeltà a Lui.

Fedeltà, valore disprezzato o frainteso?

È ovvio che la fedeltà sperimenta un certo slittamento: tutti constatiamo che si è meno fedeli più ad una persona, alle convinzioni e ai principi che al proprio interesse e alle proprie ambizioni!
Si parla di più di lealtà nel campo economico e commerciale (cliente fedele, carta fedeltà, gestione della lealtà ...) che nella sfera delle relazioni umane (amicizia, relazione coniugale, familiare ...)
Il concetto di fedeltà è cambiato? SRiguarderebbe piuttosto un valore economico?

Jean Bastaire[1], nel suo libro "Elogio della fedeltà al tempo dell'effimero" afferma che "La fedeltà è l'incarnazione della fede (fides), questa fonte, questa disposizione esistenziale, questa linfa che nutre e ti fa rimanere in piedi. Questo valore non è semplicemente un dato commerciale inventato dal mercato del lavoro del 20 ° secolo, la fedeltà ha la sua sorgente in Dio! La Sacra Scrittura usa spesso questo termine, applicandolo a volte a Dio, a volte all'uomo chiamato a seguire Dio.

Secondo la Scrittura, si possono distinguere tre tipi di fedeltà:

• La fedeltà dell'uomo: la fedeltà è una virtù naturale; è una forza che consiste in un fermo attaccamento alle promesse fatte, alla persona amata, all'ideale concepito dal punto di vista morale. Incontriamo uomini di tutte le età e tutte le tendenze, fedeli al loro paese, alla loro casa, alla loro moglie, ai loro amici, alla loro festa, alla loro chiesa, a un oggetto, ai costumi. Questa fedeltà caratterizza ogni uomo e non necessariamente solo il cristiano!

La fedeltà del credente: noi credenti sappiamo che la nostra fedeltà non viene da noi! È piuttosto un frutto dello Spirito "il frutto dello Spirito, è amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fedeltà, dolcezza, temperanza" (Gal 5 / 22). È un adesione suscitata dallo Spirito per le cose dell'alto, per ciò che piace a Dio, per ciò che viene da Dio, è qualcosa che ci lega a Dio stesso, alla sua volontà, che è la legge suprema.

In altre parole, la nostra fedeltà è strettamente legata alla fedeltà di Gesù, il nostro Salvatore. Tuttavia, come spiegare la fedeltà di Dio alla giovane Rima, di cui sopra? Generalmente, uno è fedele a ciò che è più grande di se stesso. Dio che non ha nulla al di sopra di Lui è assolutamente fedele a Se stesso. "Non c'è cambiamento in lui, nessuna ombra di variazione." (Jc 1/17). I suoi pensieri sono immutabili, le sue parole sono eterne, le sue azioni sono irreprensibili.

• La Fedeltà di Dio: San Paolo definisce Dio nella sua lettera ai Corinzi come un Dio FEDELE (1 Cor 10/13). È la sua fedeltà che darà il pieno compimento alle sue promesse. Egli completerà l'opera che ha iniziato in noi "Sono convinto che chi ha iniziato questa buona opera in voi la renderà perfetta per il giorno di Gesù Cristo". (Ph 1/6)

Pertanto, la fedeltà di Dio è costanza e perfezione . L’una e l’altra consistono nell'azione continua del suo amore verso i suoi figli, attraverso i tempi e nonostante gli ostacoli.

Lungi da qualsiasi attaccamento a principi o norme, la mia fedeltà (come la fedeltà cristiana) è attiva e positiva. È legata alla persona di Cristo! La nostra fedeltà si rinnova ogni giorno nella libertà e nell’amore. Questi miei venticinque anni trascorsi nella casa del Signore mi hanno insegnato profondamente che "Dio è una Roccia inespugnabile e che egli è sempre fedele alla sua Parola!

Non sarebbe bello e giusto celebrare la fedeltà religiosa o coniugale in questa nostra società che si nutre solo dell'immediato e dell'effimero?

Sr. Mirna Farah



[1] Jean BASTAIRE, chrétien marqué par Péguy, Claudel ou Teilhard de Chardin, é autore di numerose opere tra le quali : Pour un Christ vert (Salvator, 2009), La Création, pour quoi faire ? (Salvator, 2010).

Partout | dans le monde

passpartScoprite la rivista delle Suore della Carità di Santa Giovanna  Antida Thouret: una finestra sulla Congregazione, la Chiesa e il mondo.

Se desiderate conoscere la rivista e ricevere un numero omaggio, potete inviare la vostra richiesta a questo indirizzo e-mail:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Pubblicazioni

filo1

Questa rubrica presenta i libri principali che riguardano la storia della Congregazione, la vita di santa Giovanna Antida e delle Sante. E poi Quaderni Spirituali, DVDs, ...libri





leggi

Utility
 Links
filo3
 Contatti
filo3
 Area Riservata
filo3
 Richiesta accesso Area riservata
filo3
 Iscrizione Newsletter
filo3
Segui la diretta streaming
filo3