joomla templates

Giovedì 23 Ottobre 2014 16:54

Grande Guerra Besançon: il convento diventa Ospedale

 


Besançon: Il Convento trasformato in Ospedale

 

            Negli « annali » e nei  Verbali del Consiglio dell'anno 1914, troviamo, con la data del  3 agosto, un elenco di suore inviate in diversi ospedali militari: 4 suore a Vesoul, 1 all'ospizio di Flangebouche, 1 a Baume-les-Dames, e, per Besançon, l'elenco riporta 20 suore che devono raggiungere la Casa Madre, al 131 Grande rue, Clermont, Bellevaux, il Noviziato che in quegli anni è St Vincent, il Grande Seminario, il Liceo St Jean, l’Istituzione St Joseph. La Superiora generale Madre Marie-Anna Groffe chiama le migliori infermiere da altri ospedali e cliniche, dove esse si trovano in questo momento, per inviarle in questi ospedali militari.

Tra queste 26 suore ci sono  17 novizie che ricevono il Santo Abito e fanno i voti per tre mesi.

Madre Maria-Anna promette all' «Ispettore generale degli Ospedali militari di Besançon », circa quaranta letti alla Clinica Clermont e alla Casa Provinciale, che sarà l’Ospedale Ausiliario n° 15  e mette a disposizione due sale operatorie e 8 religiose infermiere, più la biancheria per 117 letti e altro materiale necessario, mobili, stoviglie, biancheria da tavola... 

La « Società francese "Soccorsi ai Militari Feriti"» il 20 agosto, ringrazia per questa disponibilità, assicurando la presa in carico finanziaria.

Il 19 febbraio 1916, il generale JEANNEROD scrive « Reverendissima Madre Superiora generale,

…l’Ospedale ausiliario n° 15 che, dall'inizio della guerra funziona con successo nella vostra Casa detta di Clermont…

A nome del Comitato, ho l'onore di inviarvi i nostri ringraziamenti più sinceri. Vi siamo particolarmente  riconoscenti … Ci avete dimostrato, durante questi diciotto mesi di guerra, che ci si può aspettare di tutto dalla vostra cura e dedizione per i feriti e nella scelta del personale qualificato che avete inviato all'Ospedale Ausiliario di Clermont … »

Nell’Hôtel di Buyer, parte di un piano e tre sale a pianterreno sono state trasformate in sale di ospedale. Durante l'anno 1914, sono arrivati in questi locali 35 ufficiali e 82 saldati.

Ed ecco in data 28 maggio 1916, l'estratto del rapporto di un amministratore :

« L’Ospedale Clermont è stato aperto il 25 agosto 1914.

Sono stati accolti : 10 Ufficiali superiori, 144 Ufficiali, 80 Sotto-ufficiali, 684 Soldati,

per un totale di 918 entrate e 52 809 giorni di ospedalizzazione.

7 Ufficiali e 17 Soldati qui sono deceduti .

Iniziato con una capienza di 162 letti, l' ospedale ha poi raggiunto il numero di 200 letti a partire dal 1 agosto1915.

L’ospedale aperto nel convento delle Suore della carità ha una capienza di  147 letti, 35 per gli Ufficiali, 15 per i Sotto-Ufficiali e 97 per i Soldati. Vengono utilizzate le sale operatorie della Clinica Clermont, le cui camere sono riservate agli Ufficiali. I refettori e le sale dei sotto-ufficiali e dei soldati  si trovano negli edifici della Casa Madre messi a nostra disposizione gratuitamente dalla Madre generale.  

Le religiose assicurano tutti i servizi. Ventidue di loro prestano servizio nelle sale operatorie e nelle sale dei malati e feriti. Undici hanno la direzione del guardaroba, della biancheria, della lavanderia e della cucina e sono aiutate dalle novizie. Prima di terminare  questa esposizione desidero ringraziare la Superiora generale delle Suore della carità e la sua Congregazione per la loro incondizionata dedizione e generosità. »

In questi anni di prove, restano dei segni tangibili di riconoscenza, come questa lettera commovente del 31 dicembre 1914, indirizzata alla Superiora e a tutte le religiose di Casa Madre dai "Soldati del treno e della Sezione di Panetteria"  per il Nuovo Anno 1915; essi esprimono i loro auguri ma soprattutto i loro ringraziamenti: essi hanno fatto una colletta e hanno  donato una statua di Giovanna D'Arco per la cappella!    

Un ferito, essendo stato all'Ospedale n 15, ha scolpito un busto di Giovanna Antida. E' firmato A. GUENOT – agosto 1918. Questo busto, posto su una colonna, è ancora oggi  visibile di fronte all'entrata della cappella.                                                        

La « Società Francese di Soccorso ai Militari Feriti » assegna una  medaglia « A Groffe Suor Marie-Anna Superiora delle Suore della Carità a Besançon. La S.S.B.M. riconoscente 1914-1919 »

 

Ricordi… Testimonianze  soprattutto di dedizione, di coraggio e di amore .

Suor Christiane-Marie Décombe


Indietro
Partout | dans le monde

passpartScoprite la rivista delle Suore della Carità di Santa Giovanna  Antida Thouret: una finestra sulla Congregazione, la Chiesa e il mondo.

Se desiderate conoscere la rivista e ricevere un numero omaggio, potete inviare la vostra richiesta a questo indirizzo e-mail:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Pubblicazioni

filo1

Questa rubrica presenta i libri principali che riguardano la storia della Congregazione, la vita di santa Giovanna Antida e delle Sante. E poi Quaderni Spirituali, DVDs, ...libri





leggi

Utility
 Links
filo3
 Contatti
filo3
 Area Riservata
filo3
 Richiesta accesso Area riservata
filo3
 Iscrizione Newsletter
filo3
Segui la diretta streaming
filo3