joomla templates

Friday, 02 January 2015 16:01

Return to India

Return to India after two years

Angela Fossa

After two years, I came back to the two houses of the Sisters of Charity of St. Jeanne Antide Thouret to Nadaikavue and Kulathoor right on the border between Tamil Nadu and Kerala: although they are only a few miles away from each other, they belong to two different states. This leads to linguistic problems as the two states speak different languages: Tamil and Malayala.  In the schools, the government compelled the teaching of the local language, besides Hindu and English.

It was really a return to a place of the heart, meeting again Sister Milady with her affectionate welcome and her wonderful cake after three weeks of Indian food.  The tasty cake made me feel at home!

The group of children and adolescents fascinated me like the first time…the liveliness in their eyes, their smile and their beauty. I recognized some of them and the sisters informed me about their scholastic progress. Others, who had been dancing two years ago, have finished school and are following further studies or working.

I was struck by how quickly the projects which we discussed during my first visit were implemented: Sister Feréale had just started looking for designs for altar cloths and vestments for the priests when she presented the project to me.

In August, Sister Mary made me visit a real laboratory with different tasks from design with chosen items (angels, bread, fish, grapes, ears of wheat, doves) to hand embroidery of the highest quality. The bright colours of Indian iconographic tradition emphasize the different items.

The goal was to teach a trade to women in difficult conditions so as to be able to have a job with a salary.  I photographed some very beautiful vestments to show in Italy.

The biggest surprise was the realization of a third activity centre thanks to the donation of a house with a big yard and garden, by an Indian gentleman widowed and childless. He now lives there with a group of women who were alone and homeless. That afternoon he was there with all of them – a person with a beautiful look in his eyes.

                The women speak different dialects but they feel accepted, and this sharing creates a certain friendship among them. Some also have psychological problems due to their difficulties experiences, but it was touching to hear them sing at my request. Sister Mary told me that the formation of a choir has helped them to socialize.  I was moved by a woman without a family who since childhood has been begging on the street. The gesture of begging remained with her.  After some time of my arrival she moved away. I thought that she was bored or did not accept my presence, but she came back with a different festive saris.  Sister Mary told me that indeed it was her way of showing that she was glad with the presence of a visitor.  

I could only thank her with a smile, but certain emotions go beyond the language and are certainly communicated.  I think it is difficult here to do a similar experience, where aesthetics is not intended to appear but becomes ethic of life: to celebrate by sharing a feeling. Thanks again to all of them, the girls and the marvelous sisters.

                Sr Feréale and Sr Maria Rita were not present because they were busy in the new house of Bangaloore, but I was able to speak with them over the phone.  I was much impressed by their energy in carrying forward the new project of social promotion, which also provides a language centre for the teaching of Arabic to the Indians who emigrate to the United Arab Emirates and Italian for future nurses, despite the objective difficulties and health.  This has been a great help and an example of courage that I carry deep within me as a gift.

001 - Copia

Ritorno in India dopo due anni

Angela Fossa

Sono tornata a distanza di due anni nelle due case delle suore della Carità di S. Giovanna Antida Thouret, a Nadaikavue e Kulathoor proprio sul confine tra il Tamil Nadu e il Kerala: a pochi km l’una dall'altra, appartengono a due stati diversi. Questo comporta problemi a livello linguistico, poiché le lingue dei due stati sono diverse: il Tamil e il Malayala e nelle scuole il governo ha reso obbligatorio l'insegnamento della lingua locale, oltre l'Hindu e l'inglese.

È stato veramente un ritornare in un luogo del cuore, rivedendo Suor Milady, la sua accoglienza affettuosa con la sua meravigliosa torta: dopo tre settimane di cucina indiana, la torta soffice e senza creme dolci mi ha fatto sentire a casa.

Il gruppo delle bambine e adolescenti mi ha catturato come la prima volta per la vivacità dello sguardo, il sorriso e la bellezza. Ne ho riconosciute alcune e le suore mi hanno informato sul loro percorso scolastico. Altre, che avevano danzato due anni fa, hanno terminato la scuola, iniziando un percorso di studi avanzati o di lavoro.

Quello che mi ha colpito è stata la rapidità di realizzazione dei progetti di cui si era parlato nella prima visita: Suor Feréale aveva appena iniziato a cercare i disegni per realizzare tovaglie da altare e paramenti per i sacerdoti  esponendomi il progetto.

In  agosto Suor Mary mi ha fatto visitare un vero laboratorio con divisione di compiti, dal disegno con soggetti scelti (angeli, pane, pesci, uva, spighe, colomba), alla realizzazione con un ricamo a mano di altissima qualità. I colori vivaci della tradizione iconografica indiana danno  risalto ai diversi soggetti.

L'obiettivo raggiunto è quello di dare un lavoro pagato a donne in difficili condizioni,  con l'apprendimento di un mestiere. Ho fotografato alcuni paramenti molto belli per mostrarli in Italia.

La sorpresa più grande è stata la realizzazione di un terzo centro di attività, grazie alla donazione di una casa grande con un cortile e orto da parte di un signore indiano rimasto vedovo e senza eredi. Ora vive lì insieme ad un gruppo di donne che erano sole, abbandonate, raccolte anche dalla strada. Quel pomeriggio era lì con tutte loro. Una persona con un bellissimo sguardo.

Le donne parlano dialetti diversi ma si sentono accolte, e questa condivisione le fa sentire comunque vicine. Alcune hanno anche disagi psichici per le difficoltà vissute, ma è stato commovente sentirle cantare su mia richiesta. Suor Mary mi aveva detto che per facilitare la socializzazione avevano deciso di fare un coro e questa è una modalità vincente. Mi ha commosso una donna che fin da piccola ha vissuto di elemosina sulla strada, senza una famiglia di riferimento. Aveva una stereotipia nel gesto della mano in attitudine di mendicare. Dopo un po' di tempo dal mio arrivo si è allontanata. Pensavo si stesse annoiando o non accettasse la mia presenza, invece è tornata con un sahari diverso, da festa. Suor Mary mi ha detto che anzi era il suo modo  di dimostrare che era contenta di una visita esterna.

Ho potuto ringraziarla solo con un sorriso, ma certe emozioni vanno aldilà della lingua e certamente passano. Credo  sia difficile qui fare una esperienza simile, in cui l'estetica non ha lo scopo di apparire ma diventa etica di vita: fare festa condividendo un sentimento. Un grazie ancora a tutte loro, alle bambine e alle meravigliose suore.

Suor Feréale e suor Maria Rita non erano presenti perché impegnate nella nuova casa di Bangaloore, ma le ho sentite per telefono.  La loro energia nel portare avanti il nuovo progetto di promozione sociale, che prevede anche un centro linguistico per l'insegnamento dell'arabo  agli Indiani che emigrano negli Emirati e di Italiano per future infermiere, nonostante le difficoltà oggettive e di salute, mi sono state di grande aiuto e un esempio di coraggio che mi porto nell'intimo come  un regalo. 

 

arrow rtl back

Partout dans le monde

passpartDiscover the magazine of the Sisters of Charity of Saint Jeanne-Antide Thouret: a window on the Congregation, the Church and the world.

If you desire to know the magazine and receive a free copy, you can send your request on this email address:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Publications

filo1

This section presents the main books regarding the history of the Congregation, the biographies on Jeanne-Antide and the Saints... and much more like Spiritual Booklets, DVDs, ...libri

 

leggi

Useful information
 Links
filo3
 Contacts
filo3
 Reserved Area
filo3
 Request of access - Reserved Area
filo3
 Newsletter subscription
filo3
Streaming
filo3