joomla templates

Displaying items by tag: africa
Miércoles, 13 Noviembre 2013 21:30

Cáritas Asia: a las victimas del tifón

13 Noviembre - Bangkok: un “mensaje de amor y esperanza” ha llegado a la población de las Filipinas enviado por Cáritas Asia. En un documento publicado por la organización y enviado a la Agencia Fides, las Cáritas de los 23 países asiáticos expresan “profunda tristeza, dolor y preocupación por la pérdida de vidas, víctimas del tifón Haiyan”. El texto de Cáritas, firmado por el Presidente, el Obispo japones Mons.Yama Isao Kikuchi, afirma: “En nombre de la Confederación Cáritas en Asia, ofrecemos un mensaje de amor y esperanza, junto a nuestras oraciones y nuestro compromiso con la reconstrucción de las vidas destruidas por el tifón”.. El texto llama “al espíritu indomable que se reside en el pueblo de Filipinas, junto con vuestra profunda fe en Dios”, con la esperanza de que “siga siendo más fuerte que nunca para ayudar a superar esta tragedia”. “Espero que encuentren en Dios el coraje de recordar siempre que nuestra fuerza emana de Él”.

El Presidente de Cáritas Asia recuerda las palabras del Salmo 23. “Aunque ande en valles de sombras, no temeré mal alguno, porque tú estarás conmigo”, y asegura que se realizarán todos los esfuerzos de solidaridad posibles por parte de Caritas Asia, junto con otros miembros de la Confederación de Cartas Intenationalis, en favor de las comunidades afectadas por el tifón: “las 23 Cáritas de los países asiáticos - insiste - trabajarán en estrecha colaboración con Cáritas de Filipinas para llevar las ayudas rápidamente y poder aliviar el sufrimiento de las familias afectadas, para que puedan reconstruir sus vidas y traer futuro luminoso a la población”. (PA) (Agencia Fides 13/11/2013)

Published in Noticias

14 Octubre - “La llamada del Papa Francisco a ir a los suburbios “nos impulsa a vivir la llamada de la Encarnación, en la humildad, el servicio, y con esperanza”, dicen los miembros de la Conférence des Evêques de la Région Nord de l’Afrique (CERNA) en un comunicado enviado a la Agencia Fides, publicado al final de su reunión, que se ha celebrado en Roma del 6 al 9 de octubre.

Los Obispos de África del Norte, que el 9 de octubre han asistido a la audiencia general con el Santo Padre, recuerdan que el Papa Francisco les ha animado a “consolidar las relaciones fraternas con los musulmanes”.

Durante la reunión, los participantes han compartido las experiencias que viven las iglesias individuales en los distintos países de la región. La falta de seguridad en Libia “ha significado que la mayoría de las comunidades religiosas llamadas a trabajar en la salud pública por las autoridades libias han sido invitadas a dejar el país”. El Vicario Apostólico de Trípoli, Mons. Giovanni Innocenzo Martinelli, ha afirmado: “Nunca pensé que Libia podría un día vivir esa situación (...), no hicimos nada en contra de ella. Para mí es un sufrimiento terrible. Aunque no entiendo el plan de Dios a través de todo esto, con mis hermanos y hermanas que se han quedado, trato de perseverar en la esperanza”.

Desde otros países del norte de África llegan señales alentadoras como la llegada de diversas comunidades religiosas a la diócesis Argelina de Laghouat-Ghardaia, la presencia de numerosos frailes franciscanos, de Hijas de la Caridad y de Carmelitas en la diócesis marroquí de Rabat (que también firmó un acuerdo con la Custodia franciscana), y la creación del Instituto Ecuménico de Teología Al Mowafaqa por parte de esta diócesis y de la Iglesia Evangélica de Marruecos.

En cuanto al tema de la inmigración, especialmente a la luz de la reciente tragedia de Lampedusa, la CERNA destaca la necesidad de “ir más allá de la simple asistencia indispensable en caso de urgencia (la pastoral del Buen Samaritano), ya que hay que tener en cuenta el fenómeno de la migración en su totalidad, sus causas, sus efectos, sus consecuencias, y para discernir los justos medios para sostener a los migrantes”. “En este sentido observamos que nuestros países se han convertido en países de inmigración, y no sólo en países de emigración y de tránsito”, concluye el comunicado expresando la alegría de la adopción, por parte de Marruecos, de una “política de migración que tiene como objetivo la integración de los migrantes en el respeto de los derechos humanos”. (L.M.) (Agencia Fides 14/10/2013) 

Published in Noticias
Miércoles, 09 Octubre 2013 17:05

ÁFRICA Afraumentan los millonarios e los pobres

9 Octubre - Hay cada vez más ricos en África. Al igual que crece el número de pobres. Lo confirma Ventures, una revista panafricana de negocios que acaba de publicar un mapa de las 55 personas más ricas del continente.

El primero de la lista es el nigeriano Aliko Dangote, que logró acumular una fortuna de más de 20 mil millones de dólares gracias a actividades industriales que abarcan desde fábricas de cemento hasta ingenios azucareros en buena parte del continente. Dangote encabeza al grupo de los super-ricos nigerianos que en total son 20, más que los nueve sudafricanos y los nueve egipcios.

En la lista también se destaca el sudafricano Nicky Oppenheimer, que hasta dos años atrás era titular de una feta del coloso diamantífero De Beers. Entre las mujeres se destaca la nigeriana Folorunsho Alakija, que se convirtió en magnate del petróleo después de estudiar en Londres y de diseñar vestidos de moda para la esposa del presidente-dictador Ibrahim Babangida.

Según el director de Ventures, Chi-Chi Okonjo, preparar la lista ha sido tarea difícil porque a los multimillonarios no les gusta dar a conocer la magnitud de sus fortunas. La razón se comprende al comparar los datos de Ventures con los publicados en abril por el Banco Mundial. En efecto, en los últimos 30 años, el número de personas que viven en la pobreza extrema pasó de 205 millones a más del doble: 414 millones. [VG/NBJ] © 2013 MISNA

Published in Noticias
Martes, 04 Junio 2013 12:02

Un mese in Africa

Martina Bolognesi, una ragazza di Cervia che è partita per un esperienza missionaria in Ciad, scrive dall’Africa agli amici del Centro Missionario di Ravenna. Da “RisVeglio Duemila” – 27 aprile 2013 …” sto vivendo un mese di missione in Africa, presso le Suore della Carità a Goundi (Ciad). La realtà che ho trovato al mio arrivo è sicuramente quella della povertà, ma stando a contatto con la gente del posto ed interagendo con essa sono stata travolta dal loro entusiasmo e dalla loro allegria.

È bello vedere che, pur non avendo nulla, le persone vivono la vita come un dono e ringraziano sempre per ciò che ricevono dalle suore. Infatti, è proprio grazie a loro e ai missionnari che in questi anni sono state costruite strutture per i giovani e i bisognosi, ad esempio, la scuola elementare, un collegio femminile per gli studi secondari, un ospedale, una scuola per infermieri e un centro nutrizionale che accoglie orfani e bambini malnutriti. Il lavoro delle suore è fondamentale perché grazie ai loro sforzi e alla loro costanza hanno insegnato a tanti bambini l’importanza dello studio, del lavoro e dell’onestà.

Tra i cristiani del posto viene spesso utilizzata l’espressione “bon Karì” che sta a significare: va tutto bene, non ti preoccupare, Dio è con noi!

Questa espressione racchiude al meglio il loro modo di pensare, poiché contiene al suo interno l’altruismo nel rassicurare l’altro prima di ogni altra cosa, l’ottimismo nel voler trovare il positivo nelle situazioni che si presentano e la loro forte fede.

I ciadiani dovrebbero essere un esempio per noi “nati nella parte fortunata del mondo”, loro sono la dimostrazione vivente che ciò che conta non sono le ricchezze materiali ma quelle dell’anima e dei sentimenti.

 

Published in Testimonios Jóvenes

29 maggio - L’economia dell’Africa cresce, ma non tanto da ridurre la povertà. Economia in crescita, ma non come prima della crisi cominciata nel 2008 e non abbastanza da ridurre i livelli di povertà: lo sostengono gli autori di un rapporto realizzato dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico insieme con altre istituzioni internazionali e africane.

“Uno sviluppo umano più equo – si sottolinea nello studio – sarà possibile solo se i paesi africani accelereranno la loro trasformazione economica in modo da diventare più competitivi e creare migliori opportunità di lavoro”.

Secondo i ricercatori, il Prodotto interno lordo del continente dovrebbe aumentare del 4,8% quest’anno e del 5,3% nel 2014. Dati che indicano un rallentamento rispetto a +6,6% del 2012 e che sono inferiori alla soglia del +7% indicata nello studio come necessaria per ridurre i tassi di povertà in una regione del mondo dove la popolazione aumenta ogni anno del 2%.

A pesare sullo sviluppo economico-sociale del continente è anche un flusso di capitali in uscita che, secondo i ricercatori, ha raggiunto l’anno scorso un valore di 186 miliardi di dollari. Una perdita, questa, che non sono riusciti a compensare né le rimesse dei migranti (60 miliardi) né gli aiuti dei governi stranieri (56 miliardi). (Misna 29 maggio 2013)

Published in Noticias

“Mantenere una relazione speciale con l’Africa è di importanza strategica per il Brasile”: un portavoce di Dilma Roussef, la presidente del colosso latinoamericano, ha spiegato in questi termini l’annuncio della cancellazione o della “ristrutturazione” del debito contratto da 12 paesi sub-sahariani.

Il provvedimento di Brasilia, relativo a una somma complessiva di circa 900 milioni di dollari, è stato annunciato nel fine-settimana a margine delle celebrazioni di Addis Abeba per il 50° anniversario della nascita dell’Organizzazione dell’Unità Africana (OUA).

Della misura beneficeranno anzitutto Repubblica del Congo, Tanzania e Zambia, paesi indebitati rispettivamente per 352, 237 e 113 milioni di dollari. La cancellazione o la “ristrutturazione” del debito, vale a dire un abbassamento dei tassi di interesse o una proroga dei tempi di pagamento, riguarderanno anche Costa d’Avorio, Gabon, Guinea, Guinea Bissau, Mauritania, Repubblica Democratica del Congo, Saõ Tomé e Principe, Senegal e Sudan.

Nel fine-settimana la Rousseff ha effettuato il suo terzo viaggio in Africa negli ultimi tre mesi. Tra il 2000 e il 2012 il valore degli scambi tra il Brasile e il continente è aumentato in modo esponenziale, passando da cinque a oltre 26 miliardi di dollari. La presenza del paese latinoamericano nell’area sub-sahariana è particolarmente forte nel settore delle infrastrutture e nell’industria petrolifera e mineraria (Agenzia Misna)

Published in Noticias
Lunes, 20 Mayo 2013 14:12

20 maggio Dal parlamento panafricano

L’Africa condivide valori comuni” dice Bethel Nnaemeka Amadi, il deputato nigeriano che presiede il parlamento panafricano. Comincia da qui quando la MISNA gli chiede del tema del “rinascita” scelto per le celebrazioni del 50° anniversario dell’inizio dell’integrazione politica del continente.

Sabato prossimo incontri e cerimonie sono in programma in tante citta’, da Algeri ad Addis Abeba, dove il 25 maggio 1963 nacque l’Organizzazione dell’Unità Africana (OUA). Amadi, però, guarda soprattutto al futuro. A quei passi, sul piano dell’integrazione economica e politica, della crescita democratica e civile, che restano ancora da compiere.

Presidente, perché è importante che il parlamento panafricano acquisti poteri legislativi?

“Perché solo così sarà in grado di applicare le politiche dell’Unione Africana. Mentre procede l’integrazione del continente ci devono essere leggi comuni che regolino settori cruciali come il commercio, i cambiamenti climatici, la gestione transnazionale delle risorse idriche o i flussi migratori. Gli Stati membri dell’UA devono avere una cornice chiara entro la quale operare. Oggi il commercio tra i paesi dell’Africa è ostacolato da norme sull’immigrazione e sulle tariffe doganali adottate dai governi senza alcun coordinamento tra loro. Per favorire il libero scambio dei beni, il movimento delle persone e lo spostamento dei capitali bisogna uniformare le regole. Il colonialismo ci ha lasciato in eredità 54 Stati e una frammentazione politica estrema. Un commerciante che vuole esportare i suoi prodotti dalla Nigeria alla Liberia, tanto per fare un esempio, deve avere a che fare con le dogane di cinque paesi diversi; il risultato è che i costi si moltiplicano e l’affare non conviene più. Organizzazioni sub-regionali come la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas/Cedeao) stanno già facendo qualcosa; ma ora serve un’azione decisa a livello continentale”.

Anche sul piano della democrazia c’è molto da fare. Dopo i golpe in Mali e in Guinea Bissau, quest’anno nella Repubblica Centrafricana è stato rovesciato un altro governo eletto…

“Queste situazioni di crisi sono un motivo di preoccupazione. Ma il problema va affrontato, per così dire, alla base. Come parlamento panafricano dobbiamo contribuire a creare in tutto il continente un ambiente favorevole al buon governo. Uno strumento utile è la Carta africana per la democrazia, le elezioni e il buon governo. Si tratta di un documento già approvato dai capi di Stato e di governo dei paesi membri dell’Unione, che ora il parlamento panafricano sta cercando di far conoscere. Superata la soglia delle 15 ratifiche nazionali, la Carta oggi può finalmente entrare in vigore. Noi vogliamo però che i suoi principi vengano recepiti nelle Costituzioni dei singoli Stati. Penso anzitutto all’impegno a tenere elezioni trasparenti e libere a intervalli di tempo regolari. Un aspetto fondamentale, perché sempre di più le consultazioni popolari sono un fattore di instabilità. L’apertura dello spazio politico e la partecipazione di tutti i soggetti sono condizioni necessarie perché dalle elezioni emergano governi che abbiano il sostegno di una maggioranza vera. E la pace, è evidente, è il presupposto di qualsiasi sviluppo economico e sociale”.

Quali sono gli altri punti della Carta?

“La sospensione immediata dall’Unione Africana di quei paesi dove si siano verificati cambiamenti incostituzionali di governo e dove non siano rispettati i diritti umani e delle minoranze. Al di là dei singoli aspetti, però, la Carta fissa un nuovo standard continentale. Nessun governo potrà più negare la libertà di partecipare ai processi politici appellandosi alle ‘tradizioni nazionali’. Una volta per tutte, sono definiti i valori comuni che devono ispirare l’azione dei governi dell’Africa”. (fonte: Misna)

Published in Noticias
Viernes, 17 Mayo 2013 23:58

17 maggio A Cannes due film africani

Sono il ciadiano Mahamat-Saleh Haroun e il franco-tunisino Abdellatif Kechiche a difendere i colori del cinema africano al Festival di Cannes. Entrambi sono in gara per la prestigiosa Palma d’Oro che il 26 maggio verrà assegnata al miglior lungometraggio.

Solo tre anni dopo la sua prima partecipazione, Haroun ritorna sulla Croisette con “Grigris”, dal nome del suo eroe: un giovane di 25 anni che sogna di diventare ballerino nonostante una paralisi alla gamba. Ma il ragazzo, per aiutare lo zio ammalato, deve rinunciare al traguardo, costretto a sopravvivere grazie a traffici di vario genere. Nel 2010 il regista ciadiano ottenne il premio della Giuria con “Un homme qui crie” (Un uomo che grida).

Con “La Vie d’Adèle”, è la prima volta che Kechiche cammina sul tappeto rosso di Cannes, dopo varie presenze alla Mostra di Venezia con “La Graine et le mulet” (Il seme e il mulo) e la “Vénus noire” (Venere nera). Al festival del sud della Francia presenterà un’insolita storia d’amore tratta da un fumetto di Julie Maroh.

C’è anche grande attesa per la proiezione di “Zulu”, realizzato in Sudafrica dal regista francese Jérôme Salle. Il film è centrato su una pericolosa inchiesta di due poliziotti, un zulu e un afrikaner nelle township di Città del Capo: uno spaccato socio-culturale del Sudafrica post-apartheid e delle sue tante contraddizioni (fonte Misna)

Published in Noticias
Miércoles, 15 Mayo 2013 18:24

15 maggio Sudan Truppe ciadiane

Sale la tensione in Darfur, dove i vertici del Movimento per la Giustizia e l’uguaglianza (Jem) hanno accusato le truppe ciadiane di aver passato il confine dirette verso le roccaforti del gruppo, nel nord della regione.

Il portavoce del gruppo Gibreel Adam Bilal ha ammonito l’ex alleato, il presidente Idriss Deby, di “conseguenze catastrofiche” nel caso di un coinvolgimento dei suoi militari nel conflitto sudanese. La vicenda si inserisce in un clima di accuse e interrogativi sollevati dopo l’uccisione – la scorsa settimana – di Mohammed Bashar, capo di una fazione dissidente del Jem che aveva avviato un negoziato di pace con Khartoum. I suoi fedelissimi sostengono che l’agguato in cui Bashar e il suo vice sono stati uccisi si è verificato in territorio ciadiano.

Sostenitore del Jem durante gli anni del conflitto in Darfur e mediatore del negoziato di pace di Doha, Deby ha interrotto le sue relazioni con il gruppo ribelle in modo plateale nel 2011, negando all’allora leader del movimento Khalil Ibrahim, in fuga dalla Libia in preda alla rivoluzione contro Muammar Gheddafi, di riparare a N’djamena.

Ieri, per la prima volta dalla morte di Kahlil nel dicembre 2011, Bilal ha accusato il Ciad di essere dietro la sua uccisione e ammonito che “il Jem riterrà Deby direttamente responsabile della morte di altri leader del gruppo che si dovessero verificare nei prossimi giorni”.

Il portavoce del movimento si è spinto oltre, accusando chiaramente il governo di N’djamena di essere responsabile di “crimini di guerra commessi durante il conflitto in Darfur” tra il 2003 e il 2007, affermando di avere “le prove del coinvolgimento di Deby, da consegnare alla Corte penale internazionale”. (Agenzia Misna)

Published in Noticias

Una voce da Berberati: “Anche qui la gente vive nella paura e sta morendo di fame dopo l’arrivo in città dei combattenti della Seleka che dettano legge per le strade. A due mesi dal colpo di stato la situazione sta peggiorando sempre di più, ma delle violenze e saccheggi commessi a Berberati nessuno parla”: lo dicono alla MISNA fonti religiose e umanitarie contattate nella seconda città del Centrafrica, 600 chilometri a sud della capitale Bangui, nodo importante per il commercio con il vicino Camerun. Per motivi di sicurezza gli interlocutori della MISNA preferiscono rimanere anonimi ma vogliono comunicare a tutti i costi la “disperazione” degli abitanti della città sud-occidentale, polo della produzione di diamanti e legno.

“Il nostro dramma è cominciato quel 24 marzo, il giorno del colpo di stato, quando l’esercito regolare (Faca) è scappato da Bangui per cercare di rifugiarsi in Camerun. Alcuni soldati sono riusciti a varcare il confine ma altri, inseguiti dai ribelli, si sono nascosti a Berberati” prosegue la fonte locale, raccontando che “la popolazione è stata presa tra l’includine e il martello”. I miliziani della coalizione Seleka – la ribellione del nord che ha cominciato la sua offensiva contro il potere di François Bozizé lo scorso dicembre – hanno commesso saccheggi e violenze nelle operazioni di ricerca di soldati in fuga mentre per le strade della città ci sono stati combattimenti tra le due parti. Secondo alcuni bilanci ufficiali a Berberati almeno otto persone sono rimaste uccise e una ventina ferite.

“Oggi viviamo ancora nell’insicurezza: i ribelli non esitano ad aprire il fuoco se qualcosa non gli sta bene. Qualche sera fa un proiettile vagante ha trafitto il tetto di paglia di un’abitazione, uccidendo nel sonno una bambina di quattro anni” dicono ancora i testimoni locali, aggiungendo che “le esecuzioni sommarie sono all’ordine del giorno. Poi di notte i miliziani entrano con la forza nelle abitazioni”. Dall’arrivo al potere dell’ex capo militare Michel Djotodia, eletto presidente con un voto scontato del Consiglio nazionale di transizione (Cnt), le esazioni commesse dai combattenti della Seleka sono state più volte denunciate a Bangui e nelle principali località del centro e del nord del paese, ma della situazione che prevale a sud non si hanno notizie, o quasi. “Un’altra cosa grave è stata la complicità delle autorità locali, sindaco e prefetto in testa, che hanno stretto la mano alla Seleka. Ci è stato detto che se volevamo impedire che i ribelli bruciassero le nostre case dovevamo dare dei soldi, e così è stata organizzata una raccolta fondi” proseguono le fonti locali.

A Berberati le attività economiche e commerciali sono quasi del tutto ferme e i viveri scarseggiano. “Le banche sono chiuse da quasi due mesi, quindi non abbiamo contanti per poter fare i nostri acquisti, anche se a dire il vero non si trova quasi nulla nei negozi. La gente va nel bosco per raccogliere legumi e foglie di manioca che poi vengono cotte” raccontano ancora dalla città sud-occidentale dove i bambini non vanno più a scuola “anche perché i genitori temono che vengano rapiti dai ribelli”. E’ anche a causa dell’insicurezza diffusa che le poche organizzazioni umanitarie attive sul posto hanno sospeso le proprie attività. “Ci sentiamo sempre più soli e isolati. La storia si sta ripetendo, come quando nel 2003 ci fu il colpo di stato che portò al potere Bozizé. Non c’è più speranza di fronte a un tale passo indietro per il nostro paese” concludono le fonti locali della MISNA, confermando che anche i ribelli presenti a Berberati sono quasi tutti ciadiani o sudanesi. Nelle ultime settimane la città ha anche accolto decine di giovani scappati da Bangui: per ottenere mezzi di sostentamento gli uomini della Seleka utilizzerebbero la pratica del rapimento, chiedendo alle famiglie cospicui riscatti. (Misna 14 maggio)

Published in Noticias
Página 4 de 5

arrow rtl volver

Partout dans le monde

passpartDescubra la revista de las Hermanas de la Caridad de Santa Juana Antida Thouret: una ventana abierta sobre la Congregación, la Iglesia y del mundo.

Si quieres saber la revista y recibir un número gratuito, usted puede enviar su solicitud a Esta dirección de correo electrónico:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Publicaciones

filo1

Esta sección presenta los principales libros que se relacionan con la historia de la Congregación, la vida de Santa Juana Antida y Sante. Y luego Cuadernos Espiritual, DVDs, y mucho más...
libri

 

leer mas

Utilidades
 Links
filo3
 Contactos
filo3
 Area Reservada
filo3
 Pedido de acceso al área reservada
filo3
 Inscripción en Newsletter
filo3

Segui en directafilo3