joomla templates

Lunedì 19 Settembre 2016 16:10

Termoli: Casetta della Carità

La condizione femminile è spesso quella più svantaggiata nella nostra società nei suoi vari ambiti.

Questo accade anche tra i senza fissa dimora: spesso alle donne sono precluse le porte dei dormitori.

Come donna, suora della Carità e come  Caritas Diocesana da tempo mi sento sollecitata a cercare di dare una risposta a questo bisogno che, pur con numeri molto, molto ridotti, è una problematica importante presente sul nostro territorio.

Ogni persona ha diritto ad avere un minimo di condizioni per preservare la sua propria dignità .   

L’Anno Santo della Misericordia che stiamo vivendo ci ha aiutato a concretizzare i desideri e la voglia di dare almeno un letto e un posto tranquillo per poter dormire ad alcune donne che, se facciamo un giro di sera alla stazione ferroviaria di Termoli, trovavamo stese su dei cartoni nella sala della biglietteria o nel corridoio, magari con la toilette chiusa.    

Quando, come Diocesi, ci siamo chiesti quali Opere Segno il Signore ci incoraggiava a intraprendere proprio come opportunità per mettere in pratica le Opere di Misericordia, ho subito condiviso la mia preoccupazione e abbiamo capito che questa era l’ora giusta per lanciarci alla apertura di un piccolo dormitorio per le donne.       

Il Vescovo  ha messo a messo a disposizione una stanza che serviva a volte per accogliere qualche sacerdote di passaggio, stanza ristrutturata in questi ultimi anni, con un bel bagno munito di tutti i confort, in pieno centro del Borgo Antico. 4 posti letto per chi non ha un luogo dove passare la notte tranquillamente, senza la preoccupazione di disturbare e la paura di essere disturbate.

In occasione dell’apertura della Porta Santa della Mensa Caritas, abbiamo invitato i volontari dei vari servizi Caritas e ho proposto loro di trasformare il buffet condiviso che volevamo preparare per l’occasione in una offerta per affrontare le piccole spese necessarie per approntare il dormitorio. La generosità, come sempre, non si è smentita: durante la preghiera con il Vescovo abbiamo fatto la fila e in una piccola anfora di terracotta ognuno ha messo il suo obolo.     

Per vivere ugualmente la gioia di stare insieme, quella sera abbiamo fatto una cena povera, una spaghettata gradita da tutti i partecipanti che ci ha permesso di sentirci umili strumenti nelle mani del Signore e sperimentare la gioia che nasce dalla condivisione.

Il Giorno di Pasqua due prime donne, italiane, hanno inaugurato la nostra Casetta della Carità. Appena  entrate, la vista del letto ha fatto esultare le nostre amiche. Per noi avere  un letto è la cosa più naturale,  ma per chi ha sperimentato la durezza del pavimento e la precarietà dei cartoni esulta e ringrazia Dio che realizza questi miracoli attraverso la sensibilità e la condivisione di noi tutti.

Noi, Suore della Carità di Santa Giovanna Antida di Termoli, comunità di Gesù e Maria,  siamo impegnate in prima fila in questo progetto. Ogni sera, a turno, andiamo ad aprire la Casetta augurando la buona notte a chi magari durante il giorno è costretto a girovagare, ascoltando con solidarietà femminile il vissuto della loro giornata.

                                                                                                          Sr Angela Giuliani, sdc


Partout | dans le monde

passpartScoprite la rivista delle Suore della Carità di Santa Giovanna  Antida Thouret: una finestra sulla Congregazione, la Chiesa e il mondo.

Se desiderate conoscere la rivista e ricevere un numero omaggio, potete inviare la vostra richiesta a questo indirizzo e-mail:
m.jacqueline@suoredellacarita.org

www.partoutdanslemonde.it

Pubblicazioni

filo1

Questa rubrica presenta i libri principali che riguardano la storia della Congregazione, la vita di santa Giovanna Antida e delle Sante. E poi Quaderni Spirituali, DVDs, ...libri





leggi

Utility
 Links
filo3
 Contatti
filo3
 Area Riservata
filo3
 Richiesta accesso Area riservata
filo3
 Iscrizione Newsletter
filo3
Segui la diretta streaming
filo3